• Sab. Lug 20th, 2024

Photo credit: Institute of Cancer Research di Londra

Un nuovo tipo di esame del sangue può prevedere la recidiva del cancro al seno in pazienti ad alto rischio mesi o addirittura anni prima che si verifichi una ricaduta.

Un team dell’Institute of Cancer Research di Londra ha utilizzato una biopsia liquida ultrasensibile per rilevare la presenza di piccole quantità di DNA tumorale rimaste nel corpo dopo il trattamento per il cancro al seno in fase iniziale.

I risultati, presentati al meeting annuale dell’American Society of Clinical Oncology (ASCO) a Chicago domenica 2 giugno, hanno coinvolto l’analisi di campioni di sangue provenienti dallo studio di raccolta campioni ChemoNEAR per il DNA tumorale circolante (ctDNA) che viene rilasciato nel flusso sanguigno dalle cellule tumorali.

I ricercatori, con sede presso il Breast Cancer Now Toby Robins Research Center presso l’Institute of Cancer Research (ICR), sono stati in grado di identificare tutti i pazienti dello studio che in seguito hanno avuto una ricaduta rilevando livelli molto bassi di cancro riscontrati nel sangue – conosciuta come malattia molecolare residua.

Rilevare un numero maggiore di cambiamenti correlati al tumore  

Aiutando a individuare i pazienti con maggiori probabilità di recidiva, gli scienziati dell’ICR sperano che i risultati aprano la strada a una nuova strategia per il trattamento del cancro al seno ricorrente in cui il trattamento può essere iniziato molto prima, senza aspettare che una malattia incurabile e avanzata si sviluppi e si manifesti. su una scansione.

Sebbene studi precedenti abbiano dimostrato che gli esami del sangue del ctDNA possano identificare una recidiva molto prima che possa essere vista su una scansione, la maggior parte dei test utilizza una tecnica chiamata sequenziamento dell’intero esoma (WES) poiché si concentra sugli esoni – le regioni dei geni che codificano le proteine ​​– che sono direttamente correlati alle malattie.

Tuttavia, l’approccio di questo studio, finanziato dalla società statunitense Personalis, Inc. – i creatori del test NeXT Personal – e l’organizzazione benefica Breast Cancer Now, prevede il sequenziamento dell’intero genoma, noto come sequenziamento dell’intero genoma (WGS).

Ciò ha consentito ai ricercatori di identificare fino a 1.800 mutazioni, un risultato molto più sensibile e che include un numero maggiore di cambiamenti correlati al cancro che potrebbero verificarsi nel DNA di un paziente.

Altre notizie dal Congresso ASCO sono qui: ASCO NEWS 2024

Campioni di sangue di 78 pazienti con diversi tipi di cancro al seno in fase iniziale (23 con cancro al seno triplo negativo, 35 con cancro al seno HER2+, 18 con cancro al seno con recettore ormonale + e due con un sottotipo sconosciuto) sono stati sottoposti a screening per il ctDNA.

I campioni sono stati raccolti dalle donne al momento della diagnosi prima della terapia, dopo il secondo ciclo di chemioterapia, dopo l’intervento chirurgico e ogni tre mesi durante il follow-up per il primo anno. Successivamente, i campioni sono stati raccolti ogni sei mesi per i successivi cinque anni.

Individuare quali pazienti hanno maggiori probabilità di recidiva 

I risultati hanno mostrato che il rilevamento del ctDNA in qualsiasi momento dopo l’intervento chirurgico o durante il periodo di follow-up era associato a un alto rischio di recidiva futura e a una sopravvivenza globale più scarsa.

La malattia molecolare residua è stata rilevata in tutti gli 11 pazienti che hanno avuto recidiva. Il tempo medio di risposta alla recidiva clinica in questo gruppo di pazienti è stato di 15 mesi, con un aumento di oltre tre mesi, rispetto ai test attuali su tutti i tipi di cancro al seno. Il tempo di attesa più lungo per la recidiva clinica è stato di 41 mesi.

Nessuna delle 60 donne in cui il ctDNA non è stato rilevato ha avuto recidive durante il periodo di follow-up. Tre pazienti avevano rilevato il ctDNA nel follow-up ma non avevano avuto recidive entro la fine dello studio: i ricercatori non avevano campioni da analizzare oltre il periodo di follow-up dello studio. La sopravvivenza mediana per i pazienti con rilevamento del ctDNA è stata di 62 mesi e non è stata raggiunta per i pazienti in cui il ctDNA non è stato rilevato.

“Questo studio retrospettivo con prova di principio getta le basi per un migliore monitoraggio post-trattamento e un trattamento potenzialmente in grado di prolungare la vita dei pazienti.”

Il primo autore, il dottor Isaac Garcia-Murillas, scienziato del gruppo di oncologia molecolare presso l’Institute of Cancer Research di Londra, ha dichiarato: â€œLe cellule del cancro al seno possono rimanere nel corpo dopo l’intervento chirurgico e altri trattamenti, ma possono essere così poche da non essere rilevabili nelle scansioni di follow-up. Queste cellule possono causare ricadute nelle pazienti affette da cancro al seno molti anni dopo il trattamento iniziale. Gli esami del sangue ultrasensibili potrebbero offrire un approccio migliore per il monitoraggio a lungo termine dei pazienti il ​​cui cancro è ad alto rischio di recidiva.

Altre notizie dal Congresso ASCO sono qui: ASCO NEWS 2024

“La maggior parte delle biopsie liquide personalizzate attualmente utilizza il sequenziamento dell’intero esoma per identificare le mutazioni. Ma questo approccio fa un ulteriore passo avanti e utilizza il sequenziamento dell’intero genoma, per identificare fino a 1.800 mutazioni nel DNA tumorale di un paziente che potrebbero identificare in modo univoco la recidiva del cancro del paziente da un campione di sangue. Un test più sensibile è molto importante per questo gruppo di pazienti con cancro al seno in fase iniziale poiché tendono ad avere una quantità molto bassa di DNA tumorale nel sangue.

“Questo studio retrospettivo con prova di principio pone le basi per un migliore monitoraggio post-trattamento e un trattamento potenzialmente in grado di prolungare la vita dei pazienti”.

“L’analisi del ctDNA nel sangue di un paziente consentirà ai medici di diagnosticare la recidiva del cancro allo stadio più precoce. Tuttavia, sono necessarie ulteriori ricerche e test prima di poter dimostrare se il rilevamento della malattia molecolare residua possa guidare la terapia in futuro -ha aggiunto il professor Nicholas Turner, professore di oncologia molecolare presso l’ICR e consulente oncologo medico presso il Royal Marsden NHS Foundation Trust- Lo studio TRAK-ER in corso presso il Royal Marsden, ad esempio, sta utilizzando un diverso test molecolare per identificare il DNA tumorale circolante e prevedere la ricaduta nelle pazienti con cancro al seno ER positivo. Questo studio sta esaminando se la ricaduta nei pazienti con malattia residua potrebbe essere prevenuta modificando il loro trattamento”.

Per il professor Kristian Helin , amministratore delegato dell’ICR, â€œIl cancro al seno è molto più facile da curare prima che si diffonda ad altre parti del corpo, quindi è fondamentale essere in grado di rilevare i segni di recidiva della malattia il prima possibile per dare alle persone le migliori possibilità di sopravvivenza. È molto emozionante vedere i progressi nella tecnologia in grado di rilevare le cellule tumorali e il DNA con maggiore sensibilità per individuare la malattia residua o rilevare i primi segni di recidiva del cancro al seno mentre una cura è ancora possibile -ha proseguito- Questi approcci stanno avendo un effetto trasformativo sulla diagnosi del cancro. Ci aiuteranno a sfruttare la nostra conoscenza del rischio di cancro per sviluppare nuove strategie per lo screening e il rilevamento mirati”.

“La diagnosi precoce è una delle nostre più grandi armi contro il cancro al seno e questi risultati iniziali, che suggeriscono che nuovi test potrebbero essere in grado di rilevare segni di recidiva del cancro al seno oltre un anno prima che emergano i sintomi, sono incredibilmente entusiasmanti -ha precisato il dottor Simon Vincent, direttore della ricerca, supporto e influenza presso Breast Cancer Now , che ha parzialmente finanziato questo studio- Anche se questa ricerca è ancora nelle sue fasi iniziali, individuare precocemente una recidiva del cancro al seno significa che il trattamento ha molte più probabilità di distruggere il cancro e di impedirne la diffusione ad altre parti del corpo, a quel punto diventa incurabile. Con circa 11.000 persone che muoiono ogni anno nel Regno Unito a causa di un cancro al seno secondario, sono urgentemente necessarie scoperte come queste per poter impedire alle persone di perdere la vita a causa di questa malattia devastante. Siamo ansiosi di vedere ulteriori risultati da questo promettente studio e incoraggiamo chiunque sia affetto da cancro al seno a contattare la nostra linea di assistenza chiamando il numero 0808 800 6000 per informazioni e supporto da parte dei nostri infermieri esperti”.

“Siamo entusiasti di lavorare con il professor Turner, la dottoressa Garcia-Murillas e altri esperti di cancro al seno dell’ICR su questo studio innovativo sul cancro al seno -ha concluso il dottor Richard Chen, Direttore medico e Vicepresidente esecutivo della ricerca e sviluppo di Personalis,- Lo studio dimostra l’importanza e la promessa di utilizzare un test MRD ultrasensibile come NeXT Personal per rilevare le prime tracce di recidiva del cancro al seno e guidare in modo più ottimale la gestione delle pazienti affette da cancro al seno”.

Altre notizie dal Congresso ASCO sono qui: ASCO NEWS 2024

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *