• Sab. Lug 20th, 2024

Un nuovo studio condotto dai ricercatori del Mass Eye and Ear ha scoperto che i pazienti a cui era stato prescritto semaglutide (come Ozempic* o Wegovy*) per il diabete o la perdita di peso avevano un rischio più elevato di sviluppare una patologia oculare potenzialmente grave chiamata NAION (neuropatia ottica ischemica anteriore non arteritica) rispetto a pazienti simili a cui non erano stati prescritti questi farmaci.

In particolare, lo studio ha scoperto che le persone con diabete a cui era stato prescritto il semaglutide dal loro medico e che poi avevano compilato la prescrizione avevano più di quattro volte più probabilità di ricevere una diagnosi di NAION. Coloro che erano in sovrappeso o obesi e a cui era stato prescritto questo farmaco avevano più di sette volte più probabilità di avere la diagnosi.

Lo studio, guidato dal dott. Joseph Rizzo, direttore del servizio di neuro-oftalmologia presso il Mass Eye and Ear e professore di oftalmologia Simmons Lessell presso la Harvard Medical School, è stato pubblicato su JAMA Ophthalmology .

“L’uso di questi farmaci è esploso in tutti i paesi industrializzati e hanno fornito benefici molto significativi in ​​molti modi ma le discussioni future tra un paziente e il suo medico dovrebbero includere la NAION come un rischio potenziale- ha affermato Rizzo, autore corrispondente dello studio- È importante comprendere, tuttavia, che il rischio aumentato è correlato a un disturbo che è relativamente poco comune”. 

La NAION è relativamente rara, e colpisce fino a 10 persone su 100.000 nella popolazione generale. La NAION è la seconda causa principale di cecità del nervo ottico (seconda solo al glaucoma) ed è la causa più comune di cecità improvvisa del nervo ottico. Si pensa che la NAION sia causata da un ridotto flusso sanguigno alla testa del nervo ottico, con la conseguenza di una perdita visiva permanente in un occhio. Secondo Rizzo, la perdita visiva causata dalla NAION è indolore e può progredire per molti giorni prima di stabilizzarsi, e c’è relativamente poco potenziale di miglioramento. Attualmente non ci sono trattamenti efficaci per la NAION. 

L’idea per la ricerca è nata alla fine dell’estate del 2023, quando Rizzo e altri neuro-oftalmologi del Mass Eye and Ear hanno notato una tendenza inquietante: tre pazienti nel loro studio avevano ricevuto una diagnosi di perdita della vista per questa malattia del nervo ottico relativamente rara in una sola settimana. I medici hanno osservato che tutti e tre stavano assumendo semaglutide.

Questo riconoscimento aneddotico ha spinto il team di ricerca Mass Eye and Ear a condurre un’analisi retrospettiva della propria popolazione di pazienti, per verificare se fosse possibile identificare un collegamento tra questa malattia e questi farmaci, la cui popolarità stava aumentando sempre di più.

Semaglutide è stato sviluppato per trattare il diabete di tipo 2. Il farmaco favorisce la perdita di peso e il suo utilizzo è aumentato a dismisura dal suo lancio come Ozempic per il diabete nel 2017. Il farmaco è stato anche approvato per la gestione del peso, con il marchio Wegovy, e rilasciato nel 2021.

I ricercatori hanno analizzato le cartelle cliniche di oltre 17.000 pazienti di Mass Eye and Ear trattati nei sei anni successivi al rilascio di Ozempic e hanno suddiviso i pazienti in quelli a cui era stato diagnosticato il diabete o il sovrappeso/obesità. I ​​ricercatori hanno confrontato i pazienti che avevano ricevuto prescrizioni di semaglutide rispetto a quelli che assumevano altri farmaci per il diabete o per la perdita di peso. Quindi, hanno analizzato il tasso di diagnosi di NAION nei gruppi, che ha rivelato significativi aumenti del rischio.

Ci sono diverse limitazioni allo studio: “Mass Eye and Ear vede un numero insolitamente alto di persone con malattie oculari rare, la popolazione dello studio è in maggioranza bianca e il numero di casi NAION osservati nel periodo di studio di sei anni è relativamente piccolo. Con numeri di casi ridotti, le statistiche possono cambiare rapidamente- ha osservato Rizzo- I ricercatori non sono riusciti a determinare se i pazienti hanno effettivamente assunto i loro farmaci o se hanno iniziato e poi smesso di assumere semaglutide a un certo punto e come questo potrebbe aver influito sul loro rischio”.  

È importante sottolineare che lo studio non dimostra alcuna causalità e i ricercatori non sanno perché o come esista questa associazione, né perché sia ​​stata segnalata una differenza nei gruppi diabetici e in sovrappeso.

“I nostri risultati dovrebbero essere considerati significativi ma provvisori, poiché sono necessari studi futuri per esaminare queste questioni in una popolazione molto più ampia e diversificata- ha concluso Rizzo- Si tratta di informazioni che prima non avevamo e dovrebbero essere incluse nel confronto medico-paziente, soprattutto se i pazienti hanno altri problemi noti al nervo ottico come il glaucoma o se c’è una perdita visiva significativa preesistente dovuta ad altre cause”.

JAMA Ophthalmology: Hathaway, J et al. “Risk of Nonarteritic Anterior Ischemic Optic Neuropathy in Patients Prescribed Semaglutide”. DOI: 10.1001/jamaophthalmol.2024.2296

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *