• Gio. Lug 18th, 2024

Il Comitato per la farmacovigilanza e la sicurezza PRAC ha concluso nell’ultima riunione che tumori maligni secondari di origine dalle cellule T (un nuovo cancro, diverso dal precedente, che inizia in un tipo di globuli bianchi del sistema immunitario chiamati cellule T) possono verificarsi dopo il trattamento con il recettore dell’antigene chimerico (CAR) medicinali a base di cellule T.

Il comitato ha valutato i dati su 38 casi di tumori maligni secondari di origine da cellule T, tra cui linfoma e leucemia a cellule T, segnalati tra circa 42.500 pazienti che sono stati trattati con medicinali a base di cellule T CAR. I campioni di tessuto sono stati analizzati nella metà dei casi, rivelando la presenza del costrutto CAR in 7 casi. Ciò suggerisce che il medicinale a base di cellule T CAR è stato coinvolto nello sviluppo della malattia.

Le neoplasie secondarie di origine dalle cellule T sono state segnalate entro settimane e fino a diversi anni dopo la somministrazione di medicinali a base di cellule T CAR. I pazienti trattati con questi medicinali devono essere monitorati per tutta la vita per eventuali nuove neoplasie.

I medicinali a base di cellule CAR T appartengono a un tipo di immunoterapie antitumorali personalizzate in cui un tipo di globuli bianchi (cellule T) di un paziente viene riprogrammato e reiniettato per attaccare il cancro. Sei prodotti CAR T-cell sono approvati nell’Unione Europea (UE): Abecma, Breyanzi, Carvykti, Kymriah, Tecartus e Yescarta. Questi medicinali sono usati per trattare i tumori del sangue come la leucemia a cellule B, il linfoma a cellule B, il linfoma follicolare, il mieloma multiplo e il linfoma mantellare in pazienti il ​​cui cancro è ricomparso (recidivo) o ha smesso di rispondere al trattamento precedente (refrattario).

Sin dall’approvazione, le informazioni sul prodotto hanno avvisato che i pazienti trattati con questi prodotti potrebbero sviluppare tumori maligni secondari. Le informazioni sul prodotto e i piani di gestione del rischio verranno aggiornati per includere le nuove informazioni relative ai tumori maligni secondari di origine dalle cellule T.

Nuove informazioni sulla sicurezza per gli operatori sanitari: rischio di tumori maligni secondari di origine da cellule T

Il  PRAC  ha inoltre discusso una comunicazione diretta agli operatori sanitari (DHPC) riguardante i medicinali a base di cellule T CAR.

Il DHPC informerà gli operatori sanitari delle conclusioni della revisione del PRAC sui tumori maligni secondari di origine dalle cellule T, compresi i tumori maligni positivi al recettore dell’antigene chimerico (CAR). Il DHPC ricorderà agli operatori sanitari la necessità di monitorare per tutta la vita i pazienti per i casi di neoplasie secondarie. Il DHPC per Abecma, Breyanzi, Carvykti, Kymriah, Tecartus e Yescarta sarà inoltrato al comitato per i medicinali ad uso umano dell’EMA ( CHMP ). Una volta adottato, il DHPC sarà diffuso agli operatori sanitari dai  titolari dell’autorizzazione all’immissione in commercio , secondo un piano di comunicazione concordato, e pubblicato sulla  pagina Comunicazioni dirette agli operatori sanitari e nei  registri nazionali  negli Stati membri dell’UE.

Iniziata la revisione dell’antidolorifico metamizolo

L’EMA ha avviato una revisione dei medicinali contenenti l’antidolorifico metamizolo a seguito del timore che le misure in atto per ridurre al minimo il noto rischio di agranulocitosi potrebbero non essere sufficientemente efficaci.

I medicinali contenenti metamizolo sono autorizzati in diversi paesi dell’UE per il trattamento del dolore e della febbre da moderati a gravi. Gli usi autorizzati variano da paese a paese, spaziando dal trattamento del dolore conseguente a interventi chirurgici o lesioni al trattamento del dolore e della febbre correlati al cancro.

L’agranulocitosi è un noto effetto collaterale dei medicinali contenenti metamizolo. Si tratta di un calo improvviso e brusco di un tipo di globuli bianchi chiamati neutrofili. Ciò può portare a infezioni gravi che possono essere fatali. È elencato come effetto indesiderato raro (può interessare fino a 1 persona su 1.000) o molto raro (può interessare fino a 1 persona su 10.000) nelle informazioni sul prodotto dei vari prodotti autorizzati. Le misure per ridurre al minimo questo rischio variano da paese a paese.

Maggiori informazioni sono disponibili nella comunicazione sulla sanità pubblica dell’EMA .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *