• Gio. Mag 23rd, 2024

La Liguria metterà a punto una serie di strategie per ridurre gli infarti e altri eventi cardiovascolari. Alisa, l’azienda ligure sanitaria, è pronta a elaborare nuove raccomandazioni per promuovere il corretto utilizzo dei farmaci e per il trattamento dell’ipercolesterolemia, in collaborazione con il dipartimento interaziendale regionale cardio-toraco-vascolare, gli specialisti ospedalieri, i medici di medicina generale e i farmacisti.

E’ quanto emerso nel corso del congresso regionale “Gestione appropriata della terapia ipolipemizzante nel paziente dislipidemico a rischio cardiovascolare”, promosso dalla struttura complessa delle Politiche del farmaco di Alisa, nella sede della Regione Liguria di via Fieschi, a Genova. “Il confronto con gli specialisti del settore ci ha consentito di definire un percorso che sarà attivato dalla struttura complessa Politiche del farmaco con il dipartimento interaziendale e vedrà coinvolti tutti gli interlocutori- commenta il direttore generale di Alisa, Filippo Ansaldi- abbiamo a disposizione farmaci sicuri ed efficaci, ma per assicurare il raggiungimento dell’obiettivo di salute è necessario garantire appropriatezza e uniformità di accesso alle cure. A questo scopo saranno elaborate specifiche raccomandazioni d’uso condivise”.

Il congresso ha anche messo in evidenza l’importanza di implementare l’attenzione e la sensibilità di pazienti e operatori sanitari nella riduzione del rischio cardiovascolare, per garantire massimi benefici clinici per i pazienti e per ottimizzare l’utilizzo delle risorse sanitarie disponibili. E’ stato, inoltre, sottolineato come sia essenziale adottare programmi di prevenzione primaria e secondaria che includano la promozione di uno stile di vita sano e, quando necessario, strategie farmacologiche. 

Durante il congresso, sono stati presentati i risultati del progetto regionale di farmacovigilanza attiva, condotto in Liguria dal marzo 2021 al settembre 2023, che ha analizzato le prescrizioni e i consumi dei farmaci ipolipemizzanti, l’aderenza terapeutica, le segnalazioni di sospette reazioni avverse e altri indicatori quali gli accessi ospedalieri, fornendo così una panoramica completa della situazione attuale.

“Il convegno è stata un’importante occasione per condividere i risultati del progetto di ricerca Aifa che ha permesso di approfondire le modalità prescrittive dei farmaci per il trattamento dell’ipercolesterolemia- conclude Barbara Rebesco, direttrice della struttura complessa delle Politiche del farmaco di Alisa- i dati raccolti hanno evidenziato una correlazione tra l’aderenza al trattamento e la riduzione di eventi cardiovascolari. Quindi, la condivisone con i sanitari delle informazioni raccolte rappresenta il primo passo di un percorso che permetterà di definire le migliori modalità di utilizzo per promuovere la salute nella nostra regione”. 

Giulia Bondolfi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *