• Mar. Lug 23rd, 2024

Alcol, i Paesi europei differiscono nello stile di bere: qual è il tuo?

Photo Credit: Correia et al., 2024, DOI: 10.1111/ADD.16567

Un nuovo studio sui modelli di consumo in Europa dal 2000 al 2019 mostra che il consumo di alcol avviene in gruppi stabili e specifici delle bevande che sembrano essere in parte determinati dalla geografia. Lo studio è stato pubblicato dalla rivista scientifica Addiction .

Lo studio ha identificato sei modelli di consumo in Europa nel 2019:

  • Paesi bevitori di vino: Francia, Grecia, Italia, Portogallo e Svezia. Caratterizzato dal consumo più elevato di vino, dal consumo più basso di birra e liquori e dal consumo complessivo di alcol più basso.
  • Paesi con elevato consumo di birra e basso consumo di alcolici : Austria, Belgio, Danimarca, Germania, Paesi Bassi, Norvegia, Slovenia e Spagna. Caratterizzato da un elevato consumo di birra, un consumo relativamente basso di superalcolici e il consumo più elevato all’estero. 
  • Paesi ad alto consumo di birra/abbuffata: Croazia, Repubblica Ceca, Ungheria, Polonia, Romania e Slovacchia. Caratterizzato da un elevato consumo complessivo di alcol, con il consumo più elevato di birra e un’elevata prevalenza di consumo episodico eccessivo. 
  • Paesi che bevono alcolici: Estonia, Lettonia e Lituania. Caratterizzato dal più alto consumo di superalcolici ma anche da un elevato consumo di birra, con il risultato del più alto consumo complessivo di alcol, ma del più basso consumo di vino e del basso consumo di binge eating – invece di un consumo elevato e regolare.
  • Paesi con elevato consumo di alcolici/astinenza elevata nel corso della vita: Ucraina, Bulgaria e Cipro. Caratterizzato dalla più bassa prevalenza di bevitori (e dalla più alta prevalenza di astemi una tantum), ma da un consumo elevato e regolare di alcolici. 
  • Paesi con alta prevalenza di consumo corrente e di binge eating : Finlandia, Islanda, Irlanda, Lussemburgo e Malta. Caratterizzato dalla più alta prevalenza di bevitori e binge potabile.

Guardando indietro di quasi 20 anni, dal 2000 al 2019 erano in vigore gli stessi cluster complessivi, con due terzi dei paesi che rimanevano nello stesso cluster per tutte le misurazioni.

Lo studio ha rilevato associazioni significative tra modelli di consumo di alcol e decessi attribuibili all’alcol e danni alla salute (misurati in termini di “anni di vita corretti per la disabilità”: il numero di anni persi a causa di cattiva salute, disabilità o morte prematura). I paesi con un elevato consumo di alcolici e/o un’elevata prevalenza di binge eating – Estonia, Lettonia, Lituania, Ucraina, Bulgaria e Cipro – hanno registrato la media più alta di decessi e danni alla salute attribuibili all’alcol.

Il coautore Dr. Jürgen Rehm commenta: “I diversi modelli di consumo in Europa sembrano essere profondamente radicati nella cultura e sono quindi difficili da cambiare. Poiché i modelli di consumo sono fortemente associati al carico di malattie e mortalità, dobbiamo trovare modi per cambiare i modelli che caratterizzano i cluster con il più alto carico alcol-attribuibile. Le politiche sull’alcol per questo cambiamento sono disponibili e dovrebbero essere prese in considerazione da tutti i paesi europei, poiché il livello complessivo di consumo di alcol è ancora elevato in questa regione”.

Addiction: “Classifying national drinking patterns in Europe between 2000 and 2019: A clustering approach using comparable exposure data”

Antonio Caperna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *