• Sab. Giu 22nd, 2024

Ente Ospedaliero Cantonale, aumentano i ricoveri e il fatturato. Rapporto Annuale 2023

Mag 24, 2024

“I ticinesi si fanno curare in Ticino. La percentuale di residenti in Ticino curati in ospedali fuori cantone è tra le più basse in assoluto. Appena il 5,6%, il valore più basso dopo Ginevra (4,6%) e Berna (5,4%). 

Nel Canton Zurigo, per fare un esempio, i residenti che si curano altrove sono il 10,5%. È vero che ‘residenti ospedalizzati nel proprio cantone’ non significa, qui in Ticino, che siano stati curati tutti nelle strutture EOC, ma ci accontentiamo di un ‘quasi tutti’ e volentieri condividiamo con tutte le realtà ospedaliere i meriti di un successo che è di tutta la sanità ticinese e di tutto il Ticino”, afferma il Presidente del Consiglio di Amministrazione EOC Paolo Sanvido in occasione del resoconto delle attività dell’Ente Ospedaliero Cantonale insieme al Direttore Generale, Glauco Martinetti.

“I nostri servizi clinici, il grande lavoro per organizzare le specialità in modo ottimale e trasversale in tutti i nostri ospedali, coniugando prossimità e concentrazione di competenze, hanno consentito di migliorare ulteriormente risultati di efficacia ed efficienza di cui siamo estremamente orgogliosi. I ticinesi lo hanno capito, e infatti non vanno più a curarsi altrove”, aggiunge Martinetti, che ha sottolineato anche un altro dato “indicativo di quanto EOC con i suoi presidi sia riferimento irrinunciabile in Ticino, complementare alla rete di medici di famiglia e servizi sul territorio. Si tratta del numero di ingressi ai nostri Pronto Soccorso, che nel 2023 ha superato le 133 mila unità. 133 mila accessi al Pronto Soccorso indicano che in Ticino EOC si fa carico quasi totalmente della medicina d’urgenza, così come è l’unico a garantire la cura (eccellente, e non siamo noi a dirlo) di pazienti colpiti da ictus cerebrale, infarto del miocardio, arresto cardiaco, o con politraumi, e la lista potrebbe continuare”.

Sul fronte finanziario, EOC chiude l’anno con un attivo di poco superiore ai 3 milioni di franchi, ottenuto tuttavia solo grazie all’impiego di parte del fondo di accantonamento, a fronte di un risultato di esercizio (EBIT) in perdita per 18.8 milioni. “Un risultato che ci deve fare riflettere, anche se non va drammatizzato. La crescita dei costi per effetto inflazionistico – osserva Martinetti – ha messo a dura prova il nostro bilancio come quello di tutti, famiglie e imprese. L’impennata dei costi per l’energia (+ 95%), in particolare, ha innescato una dinamica al rialzo generalizzato dei prezzi, mentre da anni le tariffe ospedaliere non vengono rivalutate in rapporto all’inflazione, tanto che oggi per non poche prestazioni possiamo tranquillamente parlare di sottofinanziamento”.

Nel ricordare che il 2023 è stato anche l’anno di insediamento del nuovo Consiglio di Amministrazione – con il passaggio formale delle consegne nel mese di novembre – Paolo Sanvido, riconfermato Presidente per il periodo 2023-2027, ha voluto ringraziare l’organo collegiale che ha concluso il proprio mandato per l’ottimo lavoro svolto a servizio di EOC e della comunità ticinese, assicurando il massimo impegno del nuovo Consiglio nel perseguire gli obiettivi aziendali con la medesima determinazione.

Non è mancata una nota di merito a tutto il personale EOC. “I nostri collaboratori e le nostre collaboratrici – sottolinea Martinetti – hanno dato il massimo del loro impegno e delle loro capacità, e d’altro canto va detto che EOC ha riconosciuto nel concreto il valore di questo impegno, non solamente in termini di adeguamenti salariali al carovita e scatti di anzianità, ma anche investendo nella formazione e in ogni misura di sostegno al miglioramento delle condizioni e del clima di lavoro. I nostri collaboratori sono il nostro capitale più prezioso, siamo consapevoli che solo valorizzandolo potremo raggiungere i nostri obiettivi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *