• Lun. Lug 15th, 2024

L’ industria farmaceutica europea chiede una strategia di competitivita’ e l’ Ufficio dedicato alle scienze della vita europee

Lug 4, 2024

In questo momento di cambiamento politico in Europa, l’EFPIA chiede ai leader dell’UE di lavorare insieme all’industria per creare opportunità per, ancora una volta, rendere la regione un leader mondiale nelle scienze della vita. 

Una strategia competitiva per le scienze della vita europee e una maggiore coerenza politica aiuterebbero l’Europa a riconquistare la sua posizione di sede principale per la ricerca scientifica, le competenze e gli investimenti privati, afferma l’EFPIA, in quanto richiede un ufficio dedicato alle scienze della vita con sede all’interno della Commissione europea.

Ciò allineerebbe il settore alle ambizioni dei capi di Stato e di governo europei che hanno chiesto pubblicamente sforzi per ripristinare il vantaggio competitivo dell’Europa e rafforzerebbe la resilienza sanitaria dell’UE e l’autonomia strategica.

L’UE sta affrontando intense pressioni per gli investimenti globali nella ricerca sui medicinali. Il rapporto annuale Pharmaceutical Industry in Figures di EFPIA, pubblicato anche oggi, mostra la rapida crescita di paesi come la Cina e la Corea, nonché la continua forza degli Stati Uniti. Per la prima volta, nel 2023, la Cina ha battuto l’Europa come regione per il lancio di nuove sostanze attive a livello globale. Dopo aver perso la sua corona a sper gli Stati Uniti come la principale regione di innovazione del mondo nel 2000, l’Europa è ora al terzo posto.

L’EFPIA propone cinque raccomandazioni che possono aiutare l’Europa ad adottare un nuovo approccio al suo ecosistema di scienze della vita; uno che dia priorità a collegare il settore e garantire la competitività dell’UE.

Un ambiente legislativo frammentato sta portando a politiche contraddittorie e incoerenti che influenzano negativamente le società di scienze della vita che operano in Europa. La responsabilità per le scienze della vita si trova con più direzioni generali (DG) della Commissione europea e responsabili politici a livello di UE e di Stati membri, creando ostacoli significativi.

Nonostante gli sforzi per razionalizzare i processi e migliorare la competitività del mercato, la mancanza di coordinamento strategico e di supervisione è in netto contrasto con i concorrenti globali dell’Europa, che considerano le scienze della vita come una risorsa strategica. Un ufficio dedicato potrebbe guidare e coordinare il processo decisionale, con la visione di rendere l’Europa un leader mondiale nella scienza, nell’innovazione e nella produzione moderna,:

  • Creare supervisione e leadership strategiche, allineare le politiche dell’UE che riguardano il settore negli Stati membri e a livello dell’UE, compreso l’impegno regolare con l’industria.
  • Sviluppare controlli completi della competitività su tutta la legislazione che ha un impatto sul settore
  • Ottimizzare la regolamentazione, promuovere tempistiche di approvazione più rapide per la R&S e i progetti di produzione di Life Science e supervisionare l’attuazione delle agende verdi e digitali.

L’EFPIA propone anche ulteriori quattro raccomandazioni per promuovere la salute e le scienze della vita europee:

2. Un ecosistema europeo in risca a trasformare le idee in innovazione 

L’Europa ha bisogno di un approccio basato sull’ecosistema se vuole competere con i principali hub statunitensi tra cui Boston e San Francisco e colmare un divario di investimenti che ha visto la quota statunitense di R&S globale aumentare da 2 miliardi di euro all’anno a 25 miliardi di euro all’anno in più dell’Europa in 20 anni.

Una strategia europea di scienze della vita dovrebbe promuovere cluster europei biotecnologici e farmaceutici competitivi, sostenere e trattenere le start-up europee e rafforzare il capitale di rischio europeo. Dovrebbe garantire che i programmi quadro dell’UE possano promuovere partenariati con grandi e piccole imprese, nonché partenariati per la sicurezza sanitaria europea e rafforzare i diritti di proprietà intellettuale (PI) competitivi a livello internazionale.

3. Sviluppare una sede competitiva a livello globale per lo sviluppo e la produzione di nuove tecnologie

L’Europa ha bisogno di reclutare e trattenere le persone migliori e svilupparle. Ha bisogno di politiche e infrastrutture che attraggano la ricerca di base e gli studi clinici. Per competere dovrebbe:

  • Migliorare l’istruzione STEM, affrontare le attuali lacune nelle competenze dell’UE e rafforzare il pool di talenti dell’UE.
  • Sviluppare ecosistemi armonizzati, agili, di studi clinici che supportino gli studi clinici multinazionali
  • Promuovere l’uso dei dati sanitari per alimentare la ricerca e lo sviluppo e la produzione di tecnologie sanitarie
  • Attrarre investimenti nella produzione moderna sostenendo l’attuazione del Green Deal attraverso un piano di transizione sviluppato in collaborazione con l’industria, con una regolamentazione agile.

4. Investire nella salute

Con l’invecchiamento della popolazione, l’aumento del carico di malattie croniche, la riduzione della forza lavoro e l’impatto dei cambiamenti climatici, l’UE deve sostenere gli Stati membri nel miglioramento dei loro sistemi sanitari riconoscendo la spesa sanitaria come un investimento in futuro, proteggendo i bilanci sanitari e sostenendo il finanziamento strategico degli aggiornamenti delle infrastrutture, la prevenzione, la digitalizzazione, le condizioni quadro nazionali e le pratiche verdi. Facilitare la condivisione delle migliori pratiche tra gli Stati membri per migliorare e modernizzare i loro sistemi sanitari è un’azione spesso trascurata e incredibilmente preziosa che la Commissione europea potrebbe intraprendere ora.

5. Garantire il posto dell’Europa come attore biofarmaceutico globale resiliente

La strategia dovrebbe garantire finanziamenti e risorse solidi per l’EMA, consentendo all’Europa di soddisfare le ambizioni di un quadro normativo a prova di futuro proposto nella revisione della legislazione farmaceutica generale, rendendo la regione più attraente per il lancio di medicinali e l’EMA un leader nella definizione di standard normativi a livello internazionale. Richiede l’allineamento con gli Stati Uniti e altre autorità di regolamentazione per prevenire ritardi nell’accesso ai medicinali, garantendo che le aziende dell’UE possano crescere e competere.

L’Europa ha perso il 25% dei suoi investimenti globali in R&S in soli 20 anni; anche la sua quota di studi clinici è diminuita di un quarto negli ultimi dieci anni. Gli studi per le terapie avanzate (ATMP) – terapie cellulari e geniche che mostrano enormi promesse nel trattamento di tumori avanzati e disturbi genetici – sono rispettivamente il doppio e tre volte il numero negli Stati Uniti e in Cina. Nelle attuali circostanze geopolitiche, l’Europa dovrebbe cogliere l’occasione per andare avanti con una direzione e un’unità chiare al fine di invertire queste tendenze, al fine di garantire un’Europa più sana e resiliente.

Il direttore generale dell’EFPIA, Nathalie Moll, ha dichiarato: “Nonostante i benefici sanitari ed economici di questo settore siano molto rilevanti per 500 milioni di europei, è spesso visto come un “aggiunta” a più dipartimenti dell’UE a volte con conseguenti politiche sconnesse. Riconquistare la posizione dell’Europa come leader mondiale nella scienza medica richiede un’attenzione strategica e dedicata a livello dell’UE”. 

Lars Fruergaard Jorgensen, presidente e presidente e amministratore delegato di EFPIA di Novo Nordisk, ha dichiarato: “In questo momento di cambiamento politico, l’UE ha una fantastica opportunità di trasformare le sfide di oggi in un circolo virtuoso per la nostra salute e prosperità future. Per rendere l’Europa, ancora una volta, il leader nelle scienze della vita. Attrarre la migliore ricerca scientifica, sviluppare i migliori talenti e fornire una casa per la produzione del futuro. 

Per fare questo, i responsabili politici europei devono unirsi dietro un’ambiziosa visione strategica per la competitività del settore delle scienze della vita in Europa. Nonostante le difficili circostanze geopolitiche, le raccomandazioni pubblicate oggi possono indicarle nella giusta direzione – e non vedo l’ora di lavorare insieme per raggiungere il nostro obiettivo comune di un’Europa più competitiva, più sana e più forte”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *