• Lun. Lug 22nd, 2024

AUTONOMIA. ANELLI (FNOMCEO): DISUGUAGLIANZE SALUTE POTREBBERO AMPLIARSI

Giu 19, 2024

Prevedere provvedimenti e interventi per far sì che le disuguaglianze di salute, che con l’autonomia differenziata potrebbero ampliarsi, siano colmate o evitate. Come? Potenziando il ruolo del ministero della Salute e investendo nella sanità e sui suoi professionisti. 

Questa la posizione della Federazione nazionale degli ordini dei medici chirurghi e degli odontoiatri (Fnomceo), appena condivisa dal Comitato centrale riunito oggi a Roma, dopo l’approvazione in via definitiva da parte della Camera del Ddl sull’autonomia differenziata delle regioni a statuto ordinario. “È stata approvata dalla Camera- spiega in un video il presidente Fnomceo, Filippo Anelli- la legge sull’autonomia differenziata. Nel passato più volte siamo intervenuti su questo argomento, esprimendo molte preoccupazioni che questo provvedimento potesse in qualche maniera allargare le disuguaglianze. La via da seguire è quella di dare al governo la possibilità di intervenire per ridurre le disuguaglianze attraverso un potenziamento del ministero della Salute, in modo tale da poter intervenire lì dove quelle regioni o quei territori presentino gravi differenze in termini di tutela della Salute nei confronti dei loro cittadini”. 

“Oggi- conclude Anelli- crediamo che a seguito di questo provvedimento, il governo debba necessariamente a questo punto garantire maggiori risorse per la sanità, debba tutelare soprattutto le regioni e i territori maggiormente esposti alle disuguaglianze. Crediamo che qui, ancora una volta, si debba intervenire sostenendo i professionisti perché le disuguaglianze in sanità si risolvono attraverso le competenze. Competenze che sono in capo ai professionisti della salute che oggi nel nostro territorio purtroppo non sono sufficienti per garantire appieno tutti i diritti dei cittadini”. Il Comitato centrale ha rinnovato l’impegno a vigilare, a livello nazionale, locale e regionale, perché non si creino ulteriori disuguaglianze di salute e a svolgere, attraverso la Federazione nazionale, quelle regionali e gli ordini, il suo ruolo consultivo per un accesso equo, universalistico e uguale alle cure.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *