• Ven. Lug 19th, 2024

TATUAGGI A RISCHIO LINFOMA MALIGNO

Giu 23, 2024

“L’esposizione al tatuaggio era associata ad un aumento del rischio di linfoma maligno. Sono urgentemente necessarie ulteriori ricerche epidemiologiche per stabilire la causalità”.  

Sono le conclusioni dello studio “Tattoos as a risk factor for malignant lymphoma: a population-based case–control study” a firma di Christel Nielsen, Mots Jerkeman e Anna Saxne Joud dell’Università di Lund e pubblicato su Science Direct. I medici hanno condotto uno studio caso-controllo, identificando tutti i casi incidenti di linfoma maligno diagnosticati tra il 2007 e il 2017 in soggetti di età compresa tra 20 e 60 anni nel Registro nazionale dei tumori svedese. Tre controlli casuali abbinati per età e sesso per caso sono stati campionati dal registro della popolazione totale,  utilizzando il campionamento della densità di incidenza. “Abbiamo valutato l’esposizione attraverso un questionario nel 2021 e i dati sui potenziali fattori confondenti sono stati recuperati dai registri -scrivono-  Abbiamo utilizzato la regressione logistica multivariata per stimare il rapporto del tasso di incidenza (IRR) del linfoma maligno negli individui tatuati”.

“L’inchiostro per tatuaggi spesso contiene sostanze chimiche cancerogene, ad esempio ammine aromatiche primarie, idrocarburi policiclici aromatici e metalli -proseguono- Il processo del tatuaggio invoca una risposta immunologica che provoca la traslocazione dell’inchiostro del tatuaggio dal sito di iniezione. La deposizione del pigmento del tatuaggio nei linfonodi è stata confermata, ma gli effetti sulla salute a lungo termine rimangono inesplorati”.

La popolazione dello studio era composta da 11.905 individui e il tasso di risposta è stato del 54% tra i casi ( n  = 1.398) e del 47% tra i controlli ( n  = 4.193). La prevalenza dei tatuaggi era del 21% tra i casi e del 18% tra i controlli. Gli individui tatuati avevano un rischio aggiustato più elevato di linfoma complessivo (IRR = 1,21; IC 95% 0,99-1,48). Il rischio di linfoma era più alto nei soggetti con meno di due anni tra il primo tatuaggio e l’anno indice (IRR = 1,81; IC 95% 1,03-3,20). 

“Non abbiamo trovato prove di un aumento del rischio con un’area più ampia della superficie corporea totale tatuata. Il rischio associato all’esposizione al tatuaggio sembrava essere più elevato per il linfoma diffuso a grandi cellule B (IRR 1,30; IC 95% 0,99-1,71) e per il linfoma follicolare (IRR 1,29; IC 95% 0,92-1,82)”, si legge nello studio.

Lo studio: https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S2589537024002281

Antonio Caperna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *