IT   EN

Ultimi tweet

Santésuisse: Le cure di lungodegenza comportano un onere finanziario sempre maggiore

Le cure dispensate alle persone in età avanzata generano costi elevati. Una prospettiva che preoccupa molti.

Ogni anno gli assicuratori malattia assumono 2,8 miliardi di franchi di costi per le cure. Una cifra che è raddoppiata rispetto a 10 anni fa e quadruplicata rispetto a quanto preventivato all'epoca in cui è stata introdotta la legge sull'assicurazione malattia. D'altra parte il personale curante chiede da tempo che venga riservata una maggiore considerazione per le cure. In occasione dell'assemblea generale di santésuisse sono stati discussi il pro e il contro nonché le prospettive future del settore delle cure.

I costi per le cure a carico della LAMal ammontano attualmente a 5,2 miliardi di franchi l'anno, di cui oltre la metà è a carico degli assicurati. Negli ultimi dieci anni l'onere finanziario che grava sugli assicurati è raddoppiato e l'andamento demografico comporterà verosimilmente un ulteriore incremento dei costi. Anche supponendo che non cambino le condizioni quadro, i costi per le cure di lungodegenza saliranno di altri 3 miliardi di franchi l'anno entro il 2030.

Il personale di cura chiede miglioramenti

Il personale curante chiede da tempo un miglioramento delle condizioni. In particolare pretende di poter fatturare delle prestazioni a carico dell'assicurazione obbligatoria di base anche senza prescrizioni mediche. Inoltre, esige che la Confederazione e i Cantoni promuovano la formazione delle professioni sanitarie per facilitare al futuro personale curante l'entrata o il ritorno nel mondo del lavoro. In questo modo si vuole aumentare l'attrattiva delle professioni sanitarie.

Maggiori costi per chi paga le tasse e i premi e per chi ha bisogno di cure

D'altra parte si è messo in guardia dalle conseguenze finanziarie di un simile ampliamento. santésuisse prevede che l'iniziativa per le cure infermieristiche o un controprogetto indiretto comporterà ulteriori costi quantificabili in parecchi miliardi di franchi a carico degli assicurati. Rispetto ad altri paesi il livello delle cure dispensate nel nostro paese ha uno standard decisamente elevato: la Svizzera si piazza al secondo posto, dietro la Norvegia, per il numero di personale curante ogni mille abitanti e il reddito rientra nella media dei salari svizzeri. Santésuisse guarda con un occhio critico le nuove richieste nel campo sanitario perché di regola comportano costi maggiori per tutti gli attori.

Questo onere supplementare inciderebbe in modo sostanziale su Comuni, Cantoni e Confederazione. Oltre a ciò, si ripercuoterebbe notevolmente sui premi. E aumenterebbero anche i contributi a carico delle persone bisognose di cure. Molte persone non potrebbero sopportare un simile onere finanziario supplementare.

Commenta questo articolo:

*
Il tuo indirizzo email non sarà visibile agli altri utenti.
Il commento sarà pubblicato solo previa approvazione del webmaster.