IT   EN

Ultimi tweet

Inquinamento: meno emissioni di CO2 in Svizzera nel 2017

La statistica del CO2, dopo la correzione climatica, dimostra che anche nel 2017 le emissioni sono in calo: le emissioni di CO2 provenienti dai combustibili sono diminuite dell’1,9 per cento rispetto all’anno precedente. Le emissioni provenienti dai carburanti si sono ridotte dell’1,5 per cento, in larga misura a causa della frequente aggiunta di biocarburanti.

Con la statistica annuale del CO2 l'Ufficio federale dell'ambiente (UFAM) verifica l'evoluzione delle emissioni di CO2 provenienti da combustibili e carburanti. Per poter effettuare un raffronto negli anni, in tale statistica l'influsso delle temperature invernali sull'utilizzo di olio da riscaldamento e di gas è compensato mediante la cosiddetta correzione climatica (cfr. riquadro).

La statistica del CO2 per il 2017 sottolinea una volta ancora la tendenza al ribasso delle emissioni provenienti dai combustibili corrette in base alle condizioni atmosferiche, che sono diminuite del 26,5 per cento rispetto al 1990. Senza considerare la correzione, le emissioni di CO2 provenienti dai combustibili variano fortemente a seconda degli anni. Questo indica che il parco immobiliare, responsabile di circa i tre quarti delle emissioni, è tuttora riscaldato in misura sostanziale con combustibili fossili. Per raggiungere gli obiettivi dell'Accordo di Parigi sulla protezione del clima, è indispensabile una riduzione a medio termine dei vettori energetici fossili.

Nonostante l'aumento del traffico, le emissioni provenienti dai carburanti sono diminuite rispetto all'anno precedente. Il calo delle emissioni è riconducibile principalmente all'impiego di biocarburanti, la cui percentuale sul consumo complessivo di carburanti nel 2017 era pari a quasi il 2,6 per cento, mentre l'anno precedente ammontava appena all'1,6 per cento. L'aggiunta di biocarburanti può essere considerata come una misura di compensazione. Gli importatori di carburanti fossili devono compensare una parte delle emissioni di CO2 provenienti dai carburanti con riduzioni delle emissioni in Svizzera. La percentuale sarà gradualmente aumentata al 10 per cento entro il 2020.

Correzione climatica delle emissioni
La correzione climatica ha lo scopo di determinare il maggiore o minore consumo di energia per il riscaldamento nei mesi invernali e di calcolare una media delle differenti temperature. Questa è stabilita tenendo conto dei giorni in cui la temperatura non supera i 12 °C (gradi-giorni di riscaldamento) e dei valori dell’irraggiamento solare durante i mesi invernali, un parametro importante per determinare il consumo di combustibile degli edifici ben isolati. La correzione climatica utilizzata per la statistica del CO2 corrisponde a quella utilizzata per la statistica globale dell’energia.

Commenta questo articolo:

*
Il tuo indirizzo email non sarà visibile agli altri utenti.
Il commento sarà pubblicato solo previa approvazione del webmaster.