IT   EN

Ultimi tweet

HIV e tumore, il ruolo del provirus e dei linfociti T

Gli scienziati sanno da tempo che l'HIV integra una copia del DNA delle sue informazioni genetiche nei geni delle cellule ospiti che hanno il potenziale di causare il cancro. Quando gli animali vengono infettati da altri retrovirus, questi animali spesso sviluppano il cancro. 

Tuttavia ciò non accade frequentemente nelle persone infette dall'HIV, il retrovirus responsabile della pandemia di AIDS.

Un team guidato da scienziati della University of Pittsburgh School of Medicine e del National Cancer Institute (NCI) ha annunciato su Science Advances di aver scoperto perché i medici non vedono tassi elevati di linfomi a cellule T , un tipo di cancro del sistema immunitario, nei pazienti che vivono con l' HIV .

"Sembra che abbiamo spiegato parte del mistero del perché l'HIV è raramente la causa diretta del cancro- afferma il co-autore John Mellors, capo della Divisione di Malattie Infettive a Pitt e UPMC- La nostra indagine ha dimostrato che è necessaria una serie molto insolita di eventi, che coinvolgono cambiamenti nell'HIV e ulteriori mutazioni nei geni umani iper sviluppare il linfoma".

Quando l'HIV entra nel corpo, cerca le cellule T e inserisce una copia del DNA della sua sequenza genetica – chiamata “provirus” – nel DNA della cellula. Questo istruisce le cellule T, che normalmente pattugliano il corpo alla ricerca di agenti patogeni estranei, per produrre l'HIV.

Precedenti ricerche dei team dell'NCI e di Pitt hanno mostrato che i provirus possono essere inseriti nel DNA delle cellule T in luoghi che spingono le cellule infette a dividersi e crescere in grandi cloni non cancerosi. Non è l'obiettivo del virus indurre la crescita di cellule infette; è semplicemente il risultato del punto in cui il provirus è stato inserito nel DNA della cellula T.

Queste scoperte precedenti hanno dato origine a un paradosso: se l'HIV può integrarsi nei geni delle cellule T che possono far crescere le cellule in grandi cloni, allora perché non causa anche linfomi?

Per rispondere a questa domanda, il team ha ottenuto campioni di tumore da 13 pazienti affetti da HIV con linfomi e ha scoperto che tre dei campioni avevano livelli elevati di provirus dell'HIV. Questi campioni sono stati poi studiati ulteriormente.

Hanno quindi determinato dove il provirus si era inserito nel DNA della cellula T. Questa analisi ha rivelato che, quando il provirus dell'HIV si inserisce in un gene chiamato STAT3 o in STAT3 e un altro gene chiamato LCK , può indurre le cellule con quei provirus a proliferare. Se ci sono ulteriori mutazioni non virali in altri geni umani, ciò può provocare linfomi a cellule T. Sia STAT3 che LCK sono coinvolti nella regolazione della crescita delle cellule T.

"Questo è un processo complicato e multifase che richiede eventi rari: l'inserimento nei geni STAT3 o STAT3 e LCK nel punto giusto- aggiunge Mellors- Come medico, sono rassicurato che questi eventi sono rari. Anche se dobbiamo essere consapevoli che l'HIV ha il potenziale per causare linfomi, è un evento così raro che non c'è bisogno ora di aumentare l'ansia. I medici dovrebbero sempre esaminare i loro pazienti per il cancro come parte dell'assistenza sanitaria di routine, ma le persone con HIV non devono temere che svilupperanno inevitabilmente dei linfomi”.

Poiché le persone con HIV vivono più a lungo grazie ai progressi dei farmaci e delle cure, hanno più tempo per accumulare mutazioni nei geni ospiti. Quando ciò è accoppiato con gli effetti dei provirus già inseriti negli oncogeni, la frequenza dei linfomi nelle persone che vivono con l'HIV potrebbe aumentare nel tempo, ha osservato Mellors, sebbene ciò non sia stato osservato finora. Il team di ricerca ha sottolineato l'importanza di ulteriori studi per valutare il ruolo che i farmaci per l'HIV possono svolgere nella prevenzione dei linfomi a cellule T, in particolare se iniziati presto nel corso dell'infezione da HIV, insieme alla sorveglianza continua dei linfomi a cellule T nelle persone con HIV.

Science Advances: "Insertional activation of STAT3 and LCK by HIV-1 proviruses in T cell lymphomas".

Antonio Caperna

Commenta questo articolo:

*
Il tuo indirizzo email non sarà visibile agli altri utenti.
Il commento sarà pubblicato solo previa approvazione del webmaster.