IT   EN

Ultimi tweet

FIMP, GLI ANIMALI DOMESTICI VALIDI ALLEATI DEL BENESSERE DEL BAMBINO

Cane migliore amico dell’uomo e anche dei bambini con problemi comportamentali, più o meno gravi. Si chiamano Interventi Assistiti con gli Animali (IAA) e hanno l’obiettivo di migliorare la qualità della vita e favorire le relazioni sociali.

Sono incentrati su concetti come la diversità, il rispetto delle regole, l’espressione dei sentimenti, l’affettività e l’educazione ambientale. Ma tanto il bambino quanto il cane devono essere tutelati e quindi questi interventi vanno pianificati nel modo corretto. E’ quanto emerge in occasione del XV Congresso Nazionale della Federazione Italiana Medici Pediatri (FIMP). L’evento, dal titolo Nuvole, vento, pioggia… l’arcobaleno!, si chiude oggi e ha visto a Baveno (VB) la presenza di oltre 400 pediatri di famiglia provenienti da tutta Italia. Per la prima volta la Federazione, che rappresenta circa 6.000 pediatri di famiglia, decide di dedicare una sessione del proprio congresso ad un aspetto particolare dell’assistenza ai più giovani. Sempre per la prima volta una sessione di un congresso pediatrico riceve il patrocinio di un’associazione animalista: la Lega Nazionale di Difesa del Cane.

“E’ ormai riconosciuto da numerosi studi scientifici la valenza curativa della terapia assistita con gli animali – afferma la dott.ssa Adima Lamborghini, componente del comitato scientifico FIMP -. Possiamo suggerire questa terapia soprattutto per migliorare la condizione psico-fisica di un bambino affetto da una malattia comportamentale o organica. Gli effetti positivi possono coinvolgere non solo il giovane, che presenta delle problematiche, ma anche l’intera famiglia. Si tratta però di una cura e in quanto tale va prescritta solo nel caso via siano le giuste condizioni e con l’assistenza di personale e animali qualificati per questo.  La scelta di introdurre un animale in una famiglia con bambini deve essere  una scelta consapevole e programmata nell’interesse di tutti, spesso però i genitori decidono senza avere adeguate conoscenze sui diversi risvolti della loro scelta”.

“Non dobbiamo essere consultati solo per eventuali problemi medici legati alla presenza di un animale in casa – afferma il dott. Mattia Doria, Segretario Nazionale Attività Scientifiche ed Etiche FIMP -. Possiamo aiutare i genitori a capire se questa scelta può essere giusta o meno per il benessere anche psico-fisico di un bambino. In quet’ottica dobbiamo però rafforzare la nostra preparazione in questo ambito. Gli Interventi Assistiti con gli Animali devono essere pianificati ed è fondamentale che vi sia un’équipe multidisciplinare che stabilisca un programma specifico per i fruitori. Vanno stabiliti gli obiettivi da raggiungere, la metodologia da utilizzare e anche gli strumenti di verifica. Educatore cinofilo, medico veterinario esperto in comportamento e pediatra di famiglia possono efficacemente collaborare per far sì che un cane rappresenti davvero un alleato del benessere psico-fisico del bambino”.

“Avere un animale è il sogno di tanti bambini – prosegue la dott.ssa Rossella Bovo, Medico Veterinario Esperto in Comportamento e in IAA -. Come spesso ripetiamo però anche i cani sono delle “persone” e tendono a creare delle osmosi emozionali con bambini e genitori. Non va poi dimenticato che devono essere selezionati tenendo conto di tanti diversi fattori, come la scelta della razza. Ancora più importante è la taglia del quadrupede che se è piccolo più facilmente permetterà al bambino di interagire senza paura. La complessità di interventi, solo apparentemente semplici, ci deve indurre a migliorare la formazione di tutti gli operatori coinvolti”.

“Crescere accanto a un cane è senza dubbio una delle esperienze più belle che un bambino o un adolescente possano fare”, argomenta Piera Rosati, presidente LNDC Animal Protection, che continua: “Abbiamo patrocinato questo congresso perché crediamo profondamente che il rapporto che si instaura tra i due sia davvero un terreno fertile nel quale nascono e crescono infinite dimensioni di relazione. Dal gioco alla cura, dall’affettività alla collaborazione, il cane è sempre una presenza sicura per il bambino, capace di insegnare il valore dell’empatia, un amico che accoglie sempre, sostiene e non fare sentire mai soli. Il cane, per un piccolo o giovane essere umano, è un compagno di vita e di crescita unico, un’esperienza concreta di valori essenziali in ogni relazione come il rispetto e l’ascolto, capace di stimolare naturalmente fantasia, gioco e creatività”.

 

Commenta questo articolo:

*
Il tuo indirizzo email non sarà visibile agli altri utenti.
Il commento sarà pubblicato solo previa approvazione del webmaster.