IT   EN

Ultimi tweet

Coronavirus Ticino, mascherina all' aperto, 4 clienti al tavolo, no sport amatoriale di contatto, no eventi privati oltre le 15 persone

Il Consiglio di Stato del Cantone Ticino ha emanato le nuove norme anti coronavirus, che entrano in vigore da domani,  28 ottobre 2020, alle ore 00:00 fino al prossimo 30 novembre, ad eccezione dell'uso della mascherina anche all'aperto, dove non si riesce a mantenere la giusta distanza, che entra in vigore alle ore 00:00 del 27 ottobre. 

L'elenco delle disposizioni:

1. È stabilita e confermata la chiusura di locali notturni, discoteche, piano bar, saleda ballo, club e locali erotici.

2. Nelle strutture della ristorazione così come nelle manifestazioni con servizio di cibi e bevande: gli ospiti sono tenuti a sedersi; - al singolo tavolo possono prendere posto al massimo 4 persone (ad eccezione dei genitori con figli); i tavoli devono essere disposti in modo dagarantire il distanziamento di 1.5m tra i diversi gruppi di ospiti, ameno che siano separati da dispositivi strutturali (pannelli di plexiglas); occorre provvedere alla raccolta dei dati degli ospiti, registrando —peralmeno una persona al tavolo —in particolare: cognome e nome, domicilio, - numerodi telefono, - ora di arrivo edi partenza. La registrazione dei dati può essere tralasciata in caso di consumazione veloce, conpermanenza nella struttura inferiore ai 15 minuti.

3. Per il personale addetto al servizio nelle strutture della ristorazione è obbligatoria la mascherina chirurgica o una mascherina in tessuto certificata, in buono stato e indossata in maniera da coprire bocca e naso. Visiere e dispositivi analoghi non possono sostituire la mascherina.

4. Il gerente e/o responsabile deve garantire con misure adeguate la correttezza dei dati di contatto rilevati. I dati sugli avventori devono essere conservati in forma elettronica suddivisi giornalmente per un periodo di 14giorni. È ammesso l'uso di applicazioni per smartphone di facile utilizzo.

5. Le strutture della ristorazione devono poter trasmettere al Medico cantonale a prima richiesta l'elenco degli avventori di un determinato giorno con le indicazioni prescritte entro due ore, tra le 07.00 e le 22.00, sette giorni su sette.

6. Per il personale che lavora nelle strutture della ristorazione deve essere tenuto un piano di lavoro che indichi l'ora di arrivo e di partenza dal locale.

7. In aggiunta ai contesti in cui è obbligatorio per disposizioni federali, l'uso della mascherina facciale è altresì prescritto: - negli spazi esterni accessibili al pubblico laddove non è possibile mantenere il distanziamento; - nel perimetro in cui si svolgono manifestazioni all'aperto e nell'area di mercati. Anche in questi contesti si applicanole eccezioni personali e legate alle tipologie di attività valide sul piano federale.

8. L'uso della mascherina rimane per il resto fortemente raccomandato in tutte le situazioni, in cui non è possibile mantenere il distanziamento fisico, compresi i veicoli privati su cui viaggiano persone non appartenenti a una medesima economia domestica.

9. I piani di protezione delle strutture accessibili liberamente al pubblico e delle manifestazioni devono prevedere misure di limitazione dell'accesso in modo da poter sempre rispettare il distanziamento. Alle persone particolarmente a rischio per età o patologie pregresse è vivamente raccomandato di limitare la frequentazione di queste strutture e manifestazioni con elevata concentrazione di persone.

10. Le manifestazioni pubbliche o private con presenza cumulativamente superiore ai 300 partecipanti devono essere preventivamente autorizzate dal Comune in cui si tiene l'evento e poi approvate dal "Gruppo di lavoro grandi eventi", incaricato dal Consiglio di Stato. Per gli eventi con presenza inferiore a 300 persone valgono lemisure previste a livello federale e/o cantonale (vedi punto2.) e le norme previste nei singoli piani di protezione settoriali. Di conseguenza anche per queste manifestazioni, in caso di offerta di ristorazione, è ammessa unicamente la consumazione seduti al tavolo, provvedendo inoltre alla raccolta dei dati dei partecipanti. Durante e amargine di questi eventi, se sono possibili contatti tra i partecipanti, devono essere rispettate le distanze o deve sempre essere indossata la mascherina facciale. Il gestore o l'organizzatore è tenuto a vigilare.

11. Le manifestazioni private, che non si svolgono in strutture accessibili al pubblico con presenza cumulativamente superiore alle 15 persone, sono vietate.

12. Le attività sportive amatoriali, che implicano contatti fisici tra i partecipanti, sono vietate. Fanno eccezione le attività sportive di allenamento (non competizioni con altre squadre) dei bambini e dei ragazzi in età di scuola dell'obbligo così come l'educazione fisica scolastica.

13. Chi è tenuto a mettersi in quarantena secondo l'Ordinanza COVID-19 provvedimenti nel settore del traffico internazionale di viaggiatori deve annunciarsi entro due giorni dalla sua entrata, ai sensi dell'art. 5, compilando l'apposito formulario (reperibile al sito https://www4.ti.ch/dss/dsp/covid19/popolazione/viaggiatori) oppure annunciandosi alla hotline cantonale COVID-19 (tel.:0800 144 144; e-mail: hotline@fctsa.ch).

14. Le violazioni delle disposizioni della presente risoluzione sono perseguibili penalmente secondo l'art. 83 LEp. Possono inoltre essere adottati gli opportuni provvedimenti amministrativi, compresa la chiusura di singole strutture secondo l'art.9 cpv.2 dell'Ordinanza COVID-19 situazione particolare. 

Info:
 
Aggiornamenti gratis nel canale Telegram: t.me/salutedomani

Commenta questo articolo:

*
Il tuo indirizzo email non sarà visibile agli altri utenti.
Il commento sarà pubblicato solo previa approvazione del webmaster.