IT   EN

Ultimi tweet

Coronavirus, terapia clorochina, idrossiclorochina e azitromicina: piu' danni che benefici?

La clorochina, l'idrossiclorochina e l'azitromicina vengono utilizzate per il trattamento e la prevenzione di COVID-19, nonostante prove deboli di efficacia, e medici e pazienti devono essere consapevoli degli eventi avversi potenzialmente gravi dei farmaci, afferma una recensione nel CMAJ ( Canadian Medical Association Journal ) .

"I medici e i pazienti devono essere consapevoli di diversi effetti avversi rari ma potenzialmente letali di clorochina e idrossiclorochina", afferma il dott. David Juurlink, divisione di farmacologia e tossicologia clinica, Sunnybrook Health Sciences Center di Toronto e uno scienziato senior presso ICES.

La revisione fornisce una panoramica dei potenziali danni associati a questi farmaci e la loro gestione sulla base delle migliori prove disponibili.

I potenziali effetti avversi includono

  • Aritmia cardiaca
  • L'ipoglicemia
  • Effetti neuropsichiatrici, come agitazione, confusione, allucinazioni e paranoia
  • Interazioni con altri farmaci
  • Variabilità metabolica (alcune persone metabolizzano male la clorochina e l'idrossiclorochina e una piccola percentuale le metabolizza rapidamente, il che influisce sulla risposta al trattamento)
  • Sovradosaggio (clorochina e idrossiclorochina sono altamente tossici in caso di sovradosaggio e possono causare convulsioni, coma e arresto cardiaco)
  • Carenza di farmaci (i pazienti con disturbi autoimmuni come l'artrite reumatoide, il lupus e altre malattie croniche, che assumono idrossiclorochina per trattare queste condizioni potrebbero avere problemi di accesso a questo farmaco)

La revisione riassume la scarsa qualità delle prove, che suggeriscono l'utilità di questi trattamenti nei pazienti con Covid-19 e avverte la possibilità, invece, che possano peggiorare la malattia.

"Nonostante l'ottimismo (in alcuni, persino l'entusiasmo) per il potenziale di clorochina o idrossiclorochina nel trattamento di Covid-19, è stata presa in scarsa considerazione la possibilità che i farmaci possano influenzare negativamente il decorso della malattia-afferma il dott. Juurlink- Questo è il motivo per cui abbiamo bisogno di una base di prove migliore prima di utilizzare regolarmente questi farmaci per trattare i pazienti con coronavirus Covid-19".

info: http://www.salutedomani.com/results/coronavirus 

Commenta questo articolo:

*
Il tuo indirizzo email non sarà visibile agli altri utenti.
Il commento sarà pubblicato solo previa approvazione del webmaster.