IT   EN

Ultimi tweet

Area endemica del virus Lassa potrebbe espandersi nei prossimi decessi con +600% di popolazione africana esposta

In uno studio, apparso il 27 settembre su Nature Communications, gli scienziati hanno analizzato decenni di dati ambientali associati alle epidemie del virus Lassa, rivelando temperatura, precipitazioni e presenza di aree di pascolo come fattori chiave, che contribuiscono alla trasmissione virale.

I ricercatori hanno previsto che le aree ospitali per la diffusione del virus Lassa potrebbero estendersi dall'Africa occidentale all'Africa centrale e orientale nei prossimi decenni. Con questa espansione e la prevista crescita della popolazione africana, il virus protrebbe circolare in una popolazione aumentata di oltre 600 milioni di persone.

"La nostra analisi mostra come il clima, l'uso del suolo e i cambiamenti della popolazione nei prossimi 50 anni potrebbero aumentare notevolmente il rischio di febbre di Lassa in Africa- afferma la prima autrice Raphaëlle Klitting,  ricercatrice post-dottorato presso Scripps Research. Klitting è un membro del laboratorio del coautore dello studio e professore di Scripps Research Kristian Andersen. L'autore senior dello studio è imon Dellicur dell'Università di Bruxelles.

Il virus Lassa è un virus "zoontico", che si diffonde all'uomo da altri animali, in questo caso il ratto multimamma Natal ( Mastomys natalensis ), molto probabilmente attraverso i suoi escrementi. Mentre si stima che l'80% delle infezioni sia lieve o asintomatico, i restanti casi sono più gravi, con segni e sintomi che possono includere emorragie dalla bocca e dall'intestino, pressione sanguigna bassa (shock) e perdita dell'udito potenzialmente permanente. Il tasso di mortalità per i pazienti ospedalizzati è generalmente elevato, raggiungendo talvolta l'80%.

Si stima che si verifichino diverse centinaia di migliaia di infezioni ogni anno, principalmente in Nigeria e in molti altri paesi dell'Africa occidentale. Finora non esiste un vaccino approvato o un trattamento farmacologico altamente efficace.

Sebbene sia noto il principale serbatoio animale per il virus Lassa, il virus si diffonde solo in alcune, non in tutte, le aree in cui sono presenti questi animali. Pertanto, è possibile che anche i fattori ambientali aiutino a determinare se e dove può verificarsi una trasmissione virale significativa. Nello studio, i ricercatori hanno sviluppato un modello di "nicchia ecologica" della trasmissione del virus Lassa, utilizzando i dati sulle condizioni ambientali in siti di diffusione nota.

Combinando il modello con le proiezioni dei cambiamenti climatici e dell'uso del suolo in Africa nei prossimi decenni, nonché con la gamma nota del ratto multimamma Natal, i ricercatori hanno stimato le aree dell'Africa, che potrebbero attualmente supportare la trasmissione del virus Lassa e nel anni 2030, 2050 e 2070. Le aree attuali previste corrispondevano bene a note aree endemiche dell'Africa occidentale, ma le stime per i decenni futuri suggerivano una vasta espansione all'interno e oltre l'Africa occidentale.

"Abbiamo scoperto che diverse regioni diventeranno probabilmente ecologicamente adatte alla diffusione del virus nell'Africa centrale, incluso il Camerun e la Repubblica Democratica del Congo, e persino nell'Africa orientale, in Uganda", specifica Klitting.

Attualmente la popolazione africana è in rapida crescita; i ricercatori hanno quindi considerato le proiezioni di questo aumento per le aree di circolazione attuale e futura del virus Lassa. Hanno scoperto che il numero di persone potenzialmente esposte al virus potrebbe aumentare da circa 92 milioni di oggi a 453 milioni entro il 2050 e 700 milioni entro il 2070, un aumento di oltre il 600%.

I ricercatori hanno esaminato la dinamica della diffusione del virus Lassa utilizzando i dati sui genomi virali sequenziati campionati in varie località dell'Africa occidentale e hanno scoperto che la dispersione del virus sembrava essere lenta. Hanno concluso che, a meno che le dinamiche di trasmissione non cambino drasticamente, anche la diffusione del virus in nuove aree ecologicamente adatte nei prossimi decenni potrebbe essere lenta.

Gli autori affermano che i risultati dovrebbero interessare le politiche di salute pubblica africane, ad esempio incoraggiando i funzionari ad aggiungere il virus Lassa agli elenchi di virus sotto sorveglianza epidemiologica in alcune parti dell'Africa centrale e orientale.

Lo studio è anche il risultato di un approccio interdisciplinare, che coinvolge analisi molecolari ed evolutive, nonché modelli ecologici e climatici.

"Con il cambiamento climatico in corso e il crescente impatto delle attività umane sull'ambiente, sono necessari ulteriori studi completi sull'ecologia e sulla diffusione delle malattie zoonotiche e trasmesse da vettori per anticipare possibili cambiamenti futuri nella loro distribuzione e il loro impatto sulla salute pubblica", conclude Dellicour.

Lo studio è stato finanziato dal National Institutes of Health (U01AI151812, R01AI153044, U19AI135995), l'Unione Europea, il Wellcome Trust, il Ministero federale della salute tedesco, Programma globale di protezione della salute, Fondazione tedesca per la ricerca, Fondazione per la ricerca nelle Fiandre e Fonds National de la Recherche Scientifique belga .

Nature Communications: "Predicting the evolution of the Lassa virus endemic area and population at risk over the next decades". 

Antonio Caperna

Commenta questo articolo:

*
Il tuo indirizzo email non sarà visibile agli altri utenti.
Il commento sarà pubblicato solo previa approvazione del webmaster.